Menu

Limone sul Garda

Passammo davanti a Limone, con i suoi giardini e terrazze su per il pendio dei monti; uno spettacolo di ricchezza e di grazia. L'intero giardino consta di file di bianchi pilastri quadrangolari che sono collocati ad una certa distanza l'uno dall'altro, su per il declivio del monte, a gradini. Sopra questi pilastri sono collocate delle robuste pertiche per coprire, in inverno, gli alberi che crescono negli intervalli. La lentezza della traversata favoriva l'osservazione e la contemplazione di questo piacevole spettacolo.
J. W. GOETHE, Viaggio in Italia, Torino 1965

La storia di Limone è legata indissolubilmente alla storia delle sue limonaie e alla produzione dei limoni, produzione avviata già a partire dalla prima metà del XV secolo d.C. Testimoni questi stupendi giardini strutturati ancora presenti su tutto il territorio limonese, alcuni recentemente ristrutturati e visitabili come la Limonaia del Castèl, e nei quali si coltivavano i limoni per il commercio. Le limonaie sono uniche nel loro genere: di esse vi è traccia solo tra Limone e Gargnano. 

Oltre a questo speciale patrimonio storico, Limone sul Garda offre ai suoi visitatori la possibilità di visitare alcuni musei, tra i quali il museo del Turismo, il museo dei Pescatori, la mostra dell'Olio Extravergine di Oliva e il Centro Comboniano del Tesöl, al cui interno si trova il Museo delle Curiosità. Particolarmente interessanti sono le chiesette, tra cui quella di San Pietro, di San Rocco e di San Carlo, oltre alla parrocchia di San Benedetto. Inoltre, eventi e manifestazioni colorano Limone durante la stagione estiva fino a settembre. 

>